Dall'amore per la natura e dal contatto diretto con essa, nasce nel cuore dell'Abruzzo il marchio Zoifytà

L'origine del progetto risale a quasi dieci anni fa grazie ai coniugi Maurizio e Rita Tortoreto e a Sara Nicolai che oggi,  con suo figlio Ismaele di Carlo e alla futura sposa Roberta D'Amico, hanno trasformato una piccola produzione artigianale  in un progetto di portata Nazionale che si fonda sul benessere e sull'uso di piante curative seguendo la tradizione della medicina naturale. 

La cosmesi di Zoifytà si contraddistingue per la ricercatezza dei suoi prodotti e per la genuinità e prelibatezza delle materie prime. Insieme alla costante sperimentazione, sono questi i segreti che permettono all’azienda di creare prodotti cosmetici naturali di altissima qualità, distanti anni luce dalla sinteticità dei prodotti industriali. 

Zoifytà (dal greco zoi - vita e fytà – piante) rappresenta una cosmetica di fattura Italiana in grado di raccontare l'anima della natura, mettendo in luce le caratteristiche e la tradizione della fitoterapia (il curarsi con le piante). 

Fra i prodotti attualmente disponibili, acquistabili dal sito internet e presto anche in negozi specializzati, troviamo la “Crema Viso anti-age”, mirata a dare tono, luce e freschezza alla pelle a base di Acido Ialuronico, Collagene, Tepezcohuite, Olio di Crusca di Riso e Burro di Karitè e il prodotto di punta della collezione: la “Crema Corpo” a base di Artiglio del Diavolo, Boswellia, Arnica e Olio essenziale di TeaTree. Questa lozione, ideata per dare sollievo psicofisico, ha molteplici funzioni: Adatta soprattutto agli sportivi, agevola la funzionalità delle articolazioni, migliora il micro-circolo e supporta la cute come antibatterico, antisettico o in caso di irritazioni. 

Entrambi i prodotti, senza petrolati, siliconi e parabeni, sposano la filosofia del benessere per il corpo e per il miglioramento generale della  vita. Zoifytà è un'idea Italiana con un retaggio importante: lo studio, la sperimentazione e la pratica millenaria delle piante officinali. 

Condividi:

Redazione