In occasione della consegna ufficiale del dossier di candidatura prende il via il 25 luglio Rigenerare umanità la rassegna che Volterra 2022 organizza per presentare, in maniera originale e senza formalismi, il progetto di Capitale italiana della cultura 2022.

A partire dal tema scelto per il 2022 Rigenerazione umana, si sviluppano 6 appuntamenti incentrati su altrettante direttrici del programma, con ospiti alcuni dei protagonisti della cultura contemporanea. Ogni incontro permetterà di approfondire i punti della candidatura e sarà l’occasione per cittadini e turisti per assaggiare, con oltre un anno di anticipo, il clima che si respirerà in occasione della Capitale italiana della cultura.

La rassegna parte proprio là dove si è svolta l’ultima tappa pubblica della candidatura: il Parco Fiumi, protagonista insieme ai cittadini della grande foto collettiva oggi parte integrante del dossier. Non a caso qui, nell’estate 2020 si svolge una parte del programma di Antisocial social Park, progetto ideato e gestito dall’Associazione studentesca Vai Oltre! a conferma dello sguardo della città costantemente volto al futuro.

Rigenerare umanità rappresenta un nuovo capitolo del percorso di Volterra e degli oltre 50 comuni che ne sostengono la candidatura a Capitale italiana della cultura 2022. Dopo l’adesione delle istituzioni e l’incontro di presentazione del percorso, la selezione e partecipazione di 21 giovani (7 volterrani, 7 toscani e 7 italiani) che hanno contribuito alla scrittura del dossier, gli incontri con i cittadini, il grande momento pubblico di fine febbraio con la presentazione dei contenuti poco prima dell’arrivo della pandemia, arriva finalmente il momento della nuova consegna del dossier, dopo lo slittamento sia della scadenza sia dell’anno. Il titolo infatti sarà assegnato per il 2022 (per il 2021 è stata confermata Parma che non ha potuto portare a termine il suo programma) e la scadenza per il dossier è fissata il 31 luglio. Volterra lo consegnerà con una settimana di anticipo.

RIGENERARE UMANITÀ – IL PROGETTO
In sei appuntamenti Rigenerare umanità racconta cosa Volterra offrirà in caso di vittoria ai cittadini e ai visitatori nel 2022.

Si comincia il 25 luglio con VOLTERRA SI RACCONTA, serata che vedrà protagonista il direttore del Museo Etrusco di Villa Giulia di Roma, Valentino Nizzo, che offrirà un panorama completo dei più recenti studi etruschi trasformati in narrazione accessibile a tutti, con un percorso di visita delle ricchezze archeologiche della città intervallate da letture dedicate ad uno dei popoli più affascinanti e misteriosi della storia del pianeta.

Si continua il 30 luglio quando, in occasione della presentazione al pubblico della terza edizione del Progetto pilota Per Aspera ad Astra- come riconfigurare il carcere attraverso la cultura e la bellezza, promosso da ACRI- (Associazione nazionale Casse e Fondazioni di origine bancaria), si parlerà dell’importante ruolo delle fondazioni bancarie nell’attivazione di processi culturali e artistici che creano inclusione.

L’8 e il 9 agosto si terranno si terrà invece nella Salina di Volterra lo spettacolo site specific della Compagnia della Fortezza, nell’ambito del Progetto Naturae, esempio forte e simbolo di rigenerazione umana e CURA dell’essere umano attraverso la cultura, tema centrale in tutto il percorso di candidatura.

Il 21 agosto e il 18 settembre ospiti due grandi protagonisti della cultura italiana: Guido Tonelli, fisico di fama internazionale, autore di best seller della divulgazione scientifica, per VOLTERRA CHE INNOVA, ci parlerà delle nuove leggi che abbiamo scoperto regolano l’universo in cui viviamo. Stefano Della Casa il 18 settembre, per VOLTERRITORIO, farà abitare la meravigliosa villa di Ulignano, riaperta per l’occasione, dai fantasmi delle più celebri narrazioni cinematografiche italiane, quelle prodotto da Franco Cristaldi, a lungo proprietario e residente nella villa, dove ancora si trovano i testi dei capolavori di registi come Fellini e Tornatore.

In chiusura, il 19 settembre, tutto il dossier verrà discusso alla luce della pandemia globale con due ospiti d’onore, l’epidemiologo Paolo Vineis e il direttore di Rai Radio Tre, Marino Sinibaldi, che sta promuovendo in queste settimane una nuova trasmissione del titolo La Cura.
Condividi:

Redazione