“Appunti di vista” è il libro d'esordio di Alberto del Grande. Una raccolta di otto racconti che vedono come temi centrali natura, montagna e persone. Sono racconti brevi, biografici e semplici. Sì, semplici, perché è proprio la semplicità che l'autore vuole mettere in risalto in un ambiente saturo di complicazioni e orpelli messi in piedi dall'uomo stesso.

Racconti che celebrano la Natura in ogni sua forma, passando dalla pietra, passando per il pelo del camoscio, arrivando ad una stretta di mano tra due persone. La semplicità di una vita che spesso sembriamo dimenticare.

“É stato leggendo – Il bosco degli urogalli – di Mario Rigoni Stern, che ho realizzato quale fosse lo stile di scrittura che volevo mantenere; ed è stato proprio tra le pagine di quel libro, che è nato uno dei racconti contenuti nella raccolta. Ho sempre amato particolarmente i racconti brevi, la semplicità, la verità nelle parole, e così ho deciso di cominciare a raccogliere tutti i foglietti che avevo sparsi per casa, realizzando i miei - Appunti di vista -”.

Sono appunti infatti, e punti di vista, quelli che si mescolano tra le righe di questi otto racconti che vogliono trasmettere la serenità di chi li ha vissuti e trascritti.

La foto di copertina è di Danny Rambaldo. Progetto grafico, impaginazione, illustrazioni all'interno del libro e testi, sono tutti a cura dell'autore.

Alberto del Grande è nato a Peschiera del Garda (VR), nel 1985 e da sempre scrive. Già ai tempi di scuola, l'Italiano, come materia, lo ha sempre entusiasmato, e partendo da quei temi, non ha più fermato la sua penna.

Dal 2016 è anche ideatore del blog su ambiente e natura StoNature Blog e dal 2019 del blog musicale Suono Ibrido. É inoltre autore e speaker radiofonico del programma SottoSuolo, sulla webradio Yastaradio.com dal 2011 ed autore e cantante della band punk rock Incapaci Ai Nostri Tempi (I.A.N.T.) dal 2014.

Condividi:

Redazione