Dopo aver tagliato tutti i traguardi del lungo viaggio che l’ha portato a esibirsi sull’ambito palco del Teatro Ariston, il cantautore, rapper e producer siciliano DAVIDE SHORTY vince il “Premio della Sala Stampa Lucio Dalla” sezione “Nuove Proposte” della 71^ edizione del Festival di Sanremo per il brano “REGINA”! 

Nei giorni scorsi, il singolo sanremese ha conquistato anche il “Premio Enzo Jannacci NUOVO IMAIE 2021” e il “Premio Lunezia per Sanremo 2021” per il valore musical-letterario.

"REGINA" è una canzone d'amore che racconta la storia di una giovane donna che si fa forza di fronte ai traumi e gli ostacoli che la vita le ha posto - e le pone - davanti. Una storia che ci viene raccontata attraverso lo sguardo innamorato dell’artista che, fondendo diversi sound - dal rap al soul, dal funk alla tradizione cantautorale italiana - ci ricorda che la vita ci coglie sempre di sorpresa, nel bene o nel male. E proprio quando impariamo ad ascoltare e amare la nostra stessa bellezza, l'universo ci darà, in un modo o nell'altro, le risposte giuste. 

Il singolo - già disponibile in streaming e digitale al link https://orcd.co/regina - scritto da Davide Shorty, Emanuele Triglia, Claudio Guarcello e Davide Savarese, è stato prodotto e mixato da Tommaso Colliva. A tal proposito l’artista commenta: “Regina è nata nel modo più sincero e quando io, Claudio, Ema e Davide l’abbiamo scritta, non riuscivamo a smettere di riascoltare la prima registrazione. A un certo punto ho esclamato: ve la immaginate sul palco di Sanremo?”

Di “REGINA” è già online anche il videoclip, girato da Francesco Lorusso per Broga’s che spicca per la qualità della fotografia e delle immagini. Davide Shorty e la bellissima attrice del video, Céline Lancini, si guardano da lontano in uno spazio metaforico, circondati da ombrelli colorati e luci soffuse, mentre una sottile pioggia attraversa lo schermo, una pioggia – come dice la canzone – così fina che quasi non la senti. 

Il brano sarà contenuto nel nuovo album dell’artista, “fusion.” (Totally Imported/The Orchard), in uscita venerdì 30 aprile. Nell’attesa, Davide ha deciso di fare un regalo ai fan: è infatti già fuori in streaming e digitale, al link https://orcd.co/davideshorty-fusionameta, la prima parte del suo nuovo progetto discografico, “fusion a metà” (Totally Imported/The Orchard), composto da 7 brani e con la partecipazione di artisti del calibro di Koralle - side project di Godblesscomputers -, Dj Gruff, Gianluca Petrella - trombonista italiano jazzista di fama internazionale -, Amir Issaa e Davide Blank.

Questa la tracklist di “fusion a metà”: Monocromo, Tuttoporto, Cervello in fuga (feat. Koralle), Non si mangia una canzone (feat. DJ Gruff & Gianluca Petrella), Cioccolato denso, Regina, Non respiro (feat. Amir Issaa, David Blank).

“fusion a metà” é il lato A di “fusion.”, di cui ogni canzone è stata scritta e prodotta per urgenza; tutte le collaborazioni sono nate grazie ad una connessione spirituale tra esseri umani, come manifestazione tangibile di tale connessione. Musica italiana, in italiano, ma che suona internazionale, una vera e propria fusione di generi: partendo dall’hip hop, passando da soul e jazz fino al cantautorato italiano, senza pretese di essere qualcosa in particolare, ma essendo qualcosa e basta, e in questo caso il riflesso dell’autore e del proprio tempo.

“Per me questo é solo l’inizio - commenta Davide - Tempo fa qualcuno mi disse in una diretta televisiva che sono “fusion”; ci ho riflettuto tanto, e probabilmente é proprio così. Non perché il mio genere sia effettivamente fusion per definizione, ma perché la mia musica è una fusione di tanti generi ed influenze, la cui identità è proprio nella mescolanza. Aver scelto questo titolo non é affatto una provocazione, ma un dato di fatto, pura accettazione, il nome giusto per un disco suonato, scritto, rappato e cantato per necessità, in un periodo dove per noi artisti la creatività é stata l’unica salvezza”.

Condividi:

Redazione