Per sopraggiunte difficoltà tecnico-logistiche dovute alle recenti disposizioni, il “The Warriors Tour” di Mostro, prodotto e organizzato da Vivo Concerti, è posticipato a ottobre 2020. I biglietti e i VIP pack precedentemente acquistati resteranno validi per le nuove date.

Di seguito il calendario aggiornato:
Domenica 19 aprile 2020 || Milano - Fabrique
Martedì 21 aprile 2020 || Roma - Atlantico
Giovedì 23 aprile 2020 || Venaria Reale (TO) - Teatro della Concordia
Venerdì 24 aprile 2020 || Padova - Hall
Martedì 13 ottobre 2020 || Venaria Reale (TO) - Teatro della Concordia
Mercoledì 14 ottobre 2020 || Milano - Fabrique
Venerdì 16 ottobre 2020 || Padova - Hall
Domenica 18 ottobre 2020 || Roma - Atlantico

Per ulteriori informazioni consulta il sito: www.vivoconcerti.com

Dal 27 marzo è disponibile in fisico il nuovo album dell’artista, intitolato “SINCERAMENTE MOSTRO” (Honiro Label). La notte del 3 marzo, l’artista ha pubblicato a sorpresa il disco su tutte le piattaforme digitali: un regalo inaspettato ai suoi fan dopo averne posticipato l’uscita. Il progetto ha già superato 9,7 milioni di stream su Spotify. È possibile acquistare e ascoltare “Sinceramente Mostro” sui digital store a questo link e su Honiro Store in versione normale e special pack.

“Sinceramente Mostro” è un progetto autobiografico, un viaggio che ripercorre la vita del rapper nel racconto di come il passato abbia influenzato il suo percorso, rendendolo l’uomo che è oggi. Il corso degli eventi lo ha trasformato in una persona diversa e il passare degli anni ha cambiato la prospettiva dalla quale guarda il mondo. Il disco è stato anticipato dai due singoli “La Città” (oltre 2,2 milioni di stream su Spotify) e “Britney nel 2007” feat. Gemitaiz (più di 1,48 milioni di stream).

Dal 17 marzo è fuori su YouTube il videoclip di “Un po’ depresso” (Honiro Label), diretto da Mauro Russo con la produzione esecutiva di Aps cinemETIC. La scena vede come protagonista Mostro, intento a fare la spola tra il letto e il divano, senza che nulla accenda in lui particolare interesse, ad eccezione delle televendite trasmesse in tv. L’effetto fisheye con cui sono girati alcuni frame del video, inoltre, contribuisce a creare un’immagine distorta e surreale della realtà che circonda il rapper e che, talvolta, può diventare una prigione.
Condividi:

Redazione