La fotografia come strumento per guardare fuori e divenire veicolo di solidarietà. Per sostenere economicamente la terapia intensiva dell’Ospedale Maggiore di Parma, tanti fotografi e fotografe italiani e internazionali hanno messo a disposizione i loro preziosi scatti, al fine di contribuire con le vendite alle necessità del reparto ospedaliero dove si lotta quotidianamente contro il Covid19.

L’iniziativa, dal titolo “Una fotografia per Parma” è stata ideata dai festival ColornoPhotoLife e Stop - piccolo festival indipendente della fotografia, con la collaborazione tecnica di Cactus Studio.
Le bellissime immagini sono a disposizione di tutti coloro che vorranno dare un contributo sul sito https://unafotografiaperparma.myportfolio.com al prezzo di 50 euro. Per richiedere la foto scelta si può inviare una mail all’indirizzo dedicato: unafotografiaperparma@gmail.com

«Lo staff di “Una fotografia per Parma” ringrazia di cuore tutti coloro che hanno aderito e che lo faranno nelle prossime giornate. In questo momento poter aiutare chi lavora negli ospedali è fondamentale e l’arte, come la fotografia, riesce ad essere di conforto ma può diventare anche strumento di un aiuto concreto. Una volta terminate le restrizioni vigenti per la pandemia in corso, le foto scelte saranno a disposizione» –, commenta Gigi Montali, Presidente del gruppo fotografico Color’s Light, che organizza il festival ColornoPhotoLife alla Reggia di Colorno (PR), la cui 11° edizione è prevista dal 16 al 18 ottobre 2020 nell’ambito di Parma Capitale della Cultura 2020 sul tema “Il tempo, intorno a noi”. Il logo dell’iniziativa “Una fotografia per Parma” è stato gentilmente donato da Francesca Bianchi.
Condividi:

Redazione