Titolo che scopriamo essere un gioco di parole. Kidd non tanto come ragazzo ma come gioco… ed è una sfumatura interessante pensando a quanta “denuncia sociale” (le virgolette sono opportune e doverose) c’è dentro questo disco che celebra l’esordio di una coppia al fulmicotone. Alex Savelli storico fondatore dei Pelican Milk e Ivano Zanotti, batterista al seguito di grandissimi della scena italiana coma Vasco Rossi, Ligabue e tanti altri. Dunque di rock parliamo dentro questo disco dal titolo “Italian Kidd”… di rock e suoi derivati, di potenza ferrosa ma anche di preziosa melodia che di quando in quando si concede anche il lusso di uscire dai contorni propri del genere. E poi sottolineiamo le 11 voci che si accompagnano a queste canzoni: un festival come lo definisco i nostri, un incontro di anime e di collaborazioni che è poi l’anima prima del suono rock per eccellenza. Un disco italiano, anzi internazionale, un disco senza geografia e senza una faccia che sia una e sola. Poliedrico mood di energia vitale.

Un esordio per una coppia inedita. Come nasce questo progetto di “vita artistica assieme”?
(Alex Savelli)
È nata da un pretesto; Ivano ha accettato di partecipare come ospite al disco GETTARE LE BASI di Savelli/Manzi, da quel momento abbiamo cominciato a suonare e produrre insieme. In modo spontaneo e naturale.

(Ivano Zanotti)
Esatto, nato da una collaborazione e poi sviluppata fino ad arrivar qui.

Chi ha scritto cosa? Un disco scritto a 4 mani?
(Alex Savelli)
Questa volta siamo partiti da cose che avevo scritto io anche per ovvi motivi; Ivano era impegnatissimo e i momenti in cui ci vedevamo eravamo impegnati a arrangiare, suonare e produrre. Comunque allo spettatore interessa relativamente chi ha scritto cosa, se un brano funziona diventa di chi lo ascolta. Mi piace pensarla così.

(Ivano Zanotti)
Alex è il promotore di questo lavoro in cui io sono entrato poco alla volta per poi realizzarlo e finirlo insieme come potete sentire.

E le 11 voci di questo “festival”… come le avete scelte?
(Alex Savelli)
Molte intuizioni e un po' di fortuna direi

(Ivano Zanotti)
Scelte sulle tipologie di canzoni e quindi fra i nostri amici e contatti scelto i cantanti più appropriati.

E a proposito di questo ci saremmo attesi grandi nomi mediatici vista anche la vostra carriera… come mai non ci sono?
(Alex Savelli)
Ci siamo interrogati a lungo con Ivano su chi coinvolgere e sulla direzione da imprimere al disco...alla fine abbiamo scelto questa strada. senti la mancanza di qualche grande nome mediatico? NOI NO!!

(Ivano Zanotti)
Noi No appunto!! Grandi cantanti ci sono, anche se meno mediatici, ma soprattutto una grande energia fra di loro e noi per far decollare il disco.


Parlando della copertina: quei bambini che vediamo rappresentano voi o quello che voi vorreste essere?
(Alex Savelli)
I bambini sono da sempre e saranno per sempre la rappresentazione plastica del futuro e della speranza, poi anche noi e gli ospiti di ITALIAN KIDD saremo ragazzi per sempre grazie alla magia del ROCK!!!

(Ivano Zanotti)
Saremo eterni ragazzi perché la musica ci fa vivere sempre così. Una magia incredibile e meravigliosa

Condividi:

Redazione