Il talentuoso cantautore statunitense nominato ai GRAMMY, Ray Dalton, debutta in radio con il suo singolo “In My Bones” (Epic Records/Sony Music). Il brano, scritto insieme a Decco (Sebastian Arman e Joacim Persson), è caratterizzato da un’incredibile forza positiva, che traspare sia a livello melodico che testuale.

“In My Bones” è il primo singolo di un nuovo capitolo della vita di Ray Dalton. È un brano che spinge a concentrarsi sui propri obbiettivi, a superare qualsiasi ostacolo per raggiungere la vittoria.

La sua pubblicazione è stata il frutto di un lungo percorso del cantautore dopo l’enorme successo internazionale che l’ha travolto molto giovane facendogli sentire una forte pressione su di sé. Ray era agli esordi e doveva ancora capire bene i meccanismi dell’industria discografica. Scriveva moltissime canzoni, ma esitava a pubblicarle. Voleva prendersi del tempo per far conoscere la sua musica: “Mi sentivo che tutto quello che avrei dovuto pubblicare dovesse essere necessariamente forte tanto quanto ‘Can’t Hold Us’, il che è stupido perché non significa nulla. Ora mi amo molto di più, ho ritrovato il mio equilibrio”, ha dichiarato l’artista.

Il grandissimo successo ottenuto con la hit globale “Can’t Hold Us” insieme a Macklemore e Ryan Lewis ha gettato le basi per una carriera eccezionale. Il brano ha raggiunto la #1 di quattro classifiche di Billboard, inclusa la Hot 100, la vetta di tutte le classifiche mondiali, e ha permesso al duo di vincere un Grammy Award nel 2012 con l’album “The Heist”.  È stata “La canzone più ascoltata del 2013” su Spotify, e il suo videoclip è valso al cantante anche 2 MTV Video Music Awards.

Dalton ha co-scritto la hit “Don’t Worry” (#1 in 21 paesi ) con Madcon e “Stronger” con DJ Arty. Ora, dopo la pubblicazione dei singoli pop-dance “If You Fall” e “Bass Down”, il suo nuovo singolo “In My Bones” sta riscuotendo consensi in tutta Europa.

Per Ray Dalton il 2020 è l’anno della rinascita. Ha affermato: “Voglio che la gente abbia una connessione con la mia anima, la mia vita, il mio cuore e la mia mente. Voglio avere una connessione con le persone. Voglio che dicano ‘Posso piangere con Ray, fare festa con Ray, bere Tequila con Ray, Ray è il mio migliore amico’. Sono qui per voi!”

In una società che lotta con dubbi e ansia, vogliamo artisti che possano raccontare le nostre storie, che possano dare voce alle nostre lotte interiori e ci aiutino a celebrare i nostri trionfi. Ray Dalton è proprio uno di loro.

Condividi:

Redazione