Online su Youtube il video di “PERDONARE”, il nuovo singolo di NEK Filippo Neviani, già in radio e su tutte le piattaforme digitali, arrivato a sorpresa venerdì scorso con un annuncio social.

Il video è stato completamente girato in casa, da NEK e da centinaia di persone che hanno inviato i propri contributi video.

In poco più di 24 ore dalla call to action, postata sui social dell’artista venerdì scorso, sono arrivati dal pubblico e dai fan quasi 1000 video, registrati nelle proprie case con la voglia di condividere istantanee delle giornate di questo periodo.

Il risultato è un video corale, in cui compaiono Nek, i suoi musicisti e centinaia di persone comuni! Come ha già avuto modo di spiegare con l’uscita del brano venerdì scorso, l’esigenza di Nek è quella di condividere con la gente, per quanto possibile, la propria musica, che non deve fermarsi e non deve smettere di suonare. È con questa idea che è nato anche il video, e la voglia di condividerne la realizzazione con i fan.

«Questo è il video ufficiale di Perdonare – ha scritto Nek poco fa sui suoi social – ed è di tutti voi. Voi, che avete voluto regalare un vostro sorriso, attraverso le vostre clip, e in poco più di 24 ore ci avete mandato quasi 1000 contenuti! Impossibile utilizzarli tutti, ma sono grato a ciascuno di voi. Mi avete lasciato senza parole e il risultato è davvero emozionante. Grazie! »

“PERDONARE” (distribuito da Warner Music Italy e scritto da Nek, José Louis Pagan, Diego Cantero, Valerio Carboni e Giulia Anania) è una canzone d’amore, ma soprattutto è una canzone di speranza. “Rialziamoci da terra, ripartiamo da qui, se ancora due destini dicono di sì. Lo so che cambierà, cambierà e se cambierà amare è perdonare, perdonare”.

«Cominciamo da qui, e poi andiamo avanti, passo dopo passo, con altra musica, altri contenuti – ha detto Nek nell’annunciare l’uscita del brano – Cercherò di starvi vicino e di rendervi partecipi nei prossimi giorni di tutto quello che faremo. E credo che presto riuscirò anche a farvi sentire un album intero».

Condividi:

Redazione