Appuntamento domani alle 19 al MAXXI con Donatella Di Cesare che, con Marco Damilano e Pietro Barrera, Segretario Generale Fondazione MAXXI, presenta il suo ultimo libro “Virus sovrano? L’asfissia capitalistica” (Bollati Boringhieri), che traccia un quadro complesso e articolato degli effetti della pandemia, come sta già cambiando la nostra esistenza e come potrà cambiare in futuro (Auditorium del MAXXI, ingresso libero fino a esaurimento posti).  

Il virus ha messo allo scoperto la spietatezza del capitalismo e mostra l’impossibilità di salvarsi, se non con l’aiuto reciproco, costringendo a pensare un nuovo modo di coabitare. 

Un quadro suggestivo dell’evento epocale che ha già segnato il ventunesimo secolo. Dalla questione ecologica al governo degli esperti, dallo stato d’eccezione alla democrazia immunitaria, dal dominio della paura al contagio del complotto, dalla distanza imposta al controllo digitale: come sta già cambiando l’esistenza, quali potranno essere gli effetti politici nel futuro. 

Il coronavirus è un virus sovrano che aggira i muri patriottici, le boriose frontiere dei sovranisti. E rivela in tutta la sua terribile crudezza la logica immunitaria che esclude i più deboli. La disparità tra protetti e indifesi, che sfida ogni idea di giustizia, non è mai stata così sfrontata. 

Introduce e modera

Pietro Barrera Segretario Generale Fondazione MAXXI 

Intervengono

Donatella Di Cesare autrice

Marco Damilano Direttore L’Espresso 

Condividi:

Redazione