Da venerdì 23 luglio sarà disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali “LETTERA A ME STESSO”, il nuovo singolo di HERRÉ.

“Lettera a me stesso” è un promemoria per il futuro, un incitamento alla forza interiore; parlare al proprio io, in maniera diretta, permette di rischiarire col tempo la mente, in modo tale da potersi focalizzare sui sogni e gli obiettivi da raggiungere. Le parole scritte rimangono impresse nella memoria storica di ognuno di noi, e questo vale per la canzone che diventa poesia, da saper leggere quando fuori è buio e si sente il bisogno di ritrovare la luce.

 Spiega l’artista a proposito del brano: «La canzone è stata scritta in uno di quei momenti bui da superare: nasce dalle inquietudini giovanili e dalle incertezze presenti e future. L’ho scritta per ricordarmi di essere forte quando sarà il momento, e di dare sempre il massimo per il raggiungimento dei miei sogni»

 Il videoclip di “Lettera a me stesso” è una metafora. Il naufrago, simbolo della dispersione personale, si ritrova nel gomitolo delle idee confuse della mente e inizia il proprio viaggio che lo porta dal mare al palcoscenico, rigorosamente vuoto. L’alternarsi delle location dà risalto alla musica, che si fonde con le immagini in un’unica cosa. Si percepisce il percorso, l’inizio e la fine, con l’ultima destabilizzante scena, che racchiude tutto in un unico sogno, forse, mai esistito o forse ancora da avverare.

Condividi:

Redazione