Un nuovo romanzo d’amore. Perché è nuovo l’amore? Certamente no! È nuova la teoria che vi sta dietro. Forse nemmeno. Ma indubbiamente è un nuovo approccio all’amore, più fresco, in sintonia con i tempi che corrono e la vita che stiamo conducendo, tutti collegati ma tutti isolati, con quel tocco di psicologia che non guasta mai. Dunque un amore ai tempi di internet? Non esattamente. È l’amore di sempre, ma è vero che soprattutto oggi capita di doverlo riscoprire quando lo si è accantonato, spento, inaridito, o semplicemente dimenticato, riscoprendo così anche noi stessi.

Anticipiamo i fatti, ma la teoria dei cuori scordati sarà tutta da scoprire leggendo: Christine e Linda sono due ballerine appena scritturate per un importante musical, John insegna musicologia all’università. Sono tutti e tre giovani, vivono a New York ma sono dei “cuori scordati”, cioè hanno perso la sintonia con i propri sentimenti e dimenticato come si fa ad amare se stessi e gli altri. Le loro vite si incroceranno a una conferenza dove si parla di risonanze musicali e amorose. Poi, durante un movimentato viaggio di lavoro i tre vivranno insieme una serie di incontri imprevisti, sorprese, passeggiate romantiche, balletti improvvisati, ma anche bugie, equivoci, liti furiose e attacchi di gelosia che li indurranno a riflettere e iniziare a “riaccordare” i loro cuori. Un grave problema di salute però obbligherà i protagonisti a entrare nuovamente in conflitto tra loro fino al colpo di scena finale. 

SERGIO ROCA E PAOLO QUATTROCCHI,
CUORI SCORDATI
alla ricerca delle risonanze d’amore
(212 p., 15x21 – Euro 12,50)
Isbn 978-88-94926-40-8




Condividi:

Redazione